storia di venezia treccani

I monumenti sepolcrali conservati nelle chiese testimoniano l’evoluzione del genere, in cui influssi toscani o emiliani incidono sulla tipologia locale, con sarcofago sospeso a parete, sovrastato da rilievi e statue entro nicchie o su mensole. 15°-16° con Giovanni Bellini, Carpaccio, Tiziano, Pordenone, Veronese, Tintoretto ecc. Dalla fine del secolo lavora A. Vittoria (progetto della cappella del Rosario in SS. A V.  giunse nell’828 la reliquia di s. Marco Evangelista (trafugata ad Alessandria d’Egitto), proclamato patrono della nuova città, insieme al precedente, s. Teodoro, e qui, gradualmente, tra il sec. Le colonie commerciali si trasformarono in colonie territoriali, almeno in una gran parte del bacino dell’Egeo, anche se sopravvissero stabilimenti semplicemente commerciali, in territorio politicamente dipendente da altre autorità, per es. Questi eventi intensificarono la migrazione di genti di terraferma in cerca di riparo nelle isole della laguna. Questi eventi intensificarono la migrazione di genti di terraferma in cerca di riparo nelle isole della laguna. L’insediamento storico della città, posta al centro dell’omonima laguna, è tradizionalmente suddiviso in sei ‘sestieri’ (Cannaregio, Castello, Dorsoduro, San Marco, San Polo e Santa Croce) e si articola su un complesso di circa 120 isole, profondamente artificializzate e consolidate da una intensa opera palafitticola e di copertura lapidea, aggregate attorno alla doppia ansa della via d’acqua principale (il Canal Grande), elemento organizzatore di una fitta rete di 158 canali minori (rii). ◆ La vicenda del Mose... Comune del Veneto (92,8 km2 con 210.173 ab. I primi passi della giunta avvennero in atmosfera di concordia e di collaborazione tra i partiti ma gli sviluppi della guerra fredda e le elezioni del 1948 mutarono lo scenario creando un clima di forte contrapposizione. Tra il 12° e il 13° sec. E, a mano a mano che per delega del Maggior consiglio il consiglio dei Pregadi assumeva l’esercizio effettivo di molte prerogative già spettanti al primo, ai suoi membri ordinari si aggiungevano membri straordinari (la zonta). Hassler e H. Schütz, ‘il padre della musica tedesca’. Per tutto il 20° sec. Le colonie beneficiavano di foro privilegiato, di esenzioni fiscali e anche di una zona extraterritoriale costituita da una o più contrade e di scali nel porto. La basilica di S. Marco è il centro del complesso urbanistico-monumentale costituito dalla piazza e dalla contigua piazzetta di S. Marco, sulle quali sorgono inoltre il campanile, il Palazzo Ducale, le Procuratie Vecchie e Nuove, la Torre dell’Orologio, la Libreria, la Zecca. Il democristiano Ugo Bergamo varò una nuova giunta, con la partecipazione di PSI, PSDI e indipendenti. Infatti i terreni della zona sono costituiti soprattutto dai loro depositi alluvionali, alternati a terreni di origine lagunare e palustre, con relitti di paleodune, testimonianza del progressivo avanzamento della linea di costa. Questo accadde prima in Istria che in Dalmazia, dove si incontrò tenace resistenza. Nel 1586 ai Pregadi furono restituite tutte le funzioni usurpate dai Dieci. Nella musica d’insieme (concerto grosso, concerto per violino e orchestra), ad A. Vivaldi si affiancano i nomi di T. Albinoni e di G. Tartini. Alcune realizzazioni suscitarono reazioni contrastanti, per esempio il cosiddetto Danielino (1946-1948), ampliamento dello storico Hotel Danieli, in riva degli Schiavoni, su progetto di V. Vallot, oppure  il nuovo corpo dell’Hotel Bauer (1945-49, M. Meo), di tipo razionalista. (XXXV, p. 48; App. Dopo una lunga trattativa alla fine nacque la giunta DC, PSDI, PSI, che confermò Favaretto Fisca nel ruolo di sindaco: il debutto del nuovo assetto politico non fu però accompagnato da quella spinta innovativa che sembrava presente nell’esperienza della ‘formula Venezia’. Dapprima (1256-70) l’urto rimase localizzato in Oriente, poi dall’Egeo si spostò nell’Adriatico culminando nella guerra di Chioggia (1378-81): i genovesi presero Chioggia, ma i veneziani riuscirono poi a sconfiggere la flotta genovese e la Pace di Torino del 1381 pose fine al conflitto. La giurisdizione metropolita del nuovo patriarcato si estendeva sulle diocesi di Caorle, Torcello, Chioggia. Il paesaggio delle acque interne non è caratterizzato solo dagli storici interventi sulle isole, ma soprattutto dall’azione di erosione/deposito che porta alla formazione di quelle che sono chiamate velme, vere e proprie isole di fango sommerse durante l’alta marea ed emerse durante la bassa. V. rappresentava un punto di irradiazione di importanza capitale. In tal modo la composizione del massimo organo, nel terzo decennio del sec. Al comune di V. il centrosinistra vinse invece le elezioni, con la candidatura di Paolo Costa, economista che era stato ministro dei Lavori pubblici con il Governo Prodi, dal 1996 al 1998. Diversa appare la condizione dei litorali che separano la laguna dal Mar Adriatico. Il controverso progetto, la cui realizzazione è iniziata nel 2003, ha avuto un iter complesso, che ha visto tra l’altro nel 2014 anche il commissariamento del Consorzio Venezia Nuova, e la sua conclusione è prevista per il 2018. Dell’inizio del 16° sec. La fortuna di V. fu dovuta infatti all’intenso traffico mediterraneo (specialmente con Bisanzio e con l’Oriente), che essa poté svolgere accaparrandosi un monopolio commerciale fruttuosissimo. Nel 2015 è stato inoltre sottoscritto un nuovo Accordo di programma per la riconversione e riqualificazione industriale, con interventi di risanamento territoriale e di messa in sicurezza idraulica delle aree, e di ripristino e potenziamento delle infrastrutture esistenti. al censimento del 2011, divenuti 853.338 secondo rilevamenti ISTAT del 2019, ripartiti in 44 comuni). Accanto al nome della regione (Venetia o Venetiae) il toponimo Venetia ... Enciclopedia Italiana - V Appendice (1995). Alla DC andarono dunque 23 consiglieri, 14 al PCI, 13 al PSI, 4 al PSDI, 3 al MSI, 2 al PLI e un consigliere alla Lista civica di Terraferma. Di Venezia, città storica e moderna, attualmente capoluogo della regione del Veneto (o Venezia Euganea): la storia veneziano; l’antica Repubblica veneziano, l’egemonia veneziano nel Mediterraneo... Mose s. m. inv. Di Verrocchio è il monumento equestre a B. Colleoni in Campo SS. Nei Pregadi entrava anche il Consiglio dei Dieci istituito nel 1310 per giudicare i colpevoli della congiura di M. Querini e di B. Tiepolo. Intanto gli equilibri interni furono modificati dalla cosiddetta Serrata del maggior consiglio (leggi di Pietro Gradenigo del 1297 e 1299), cui seguirono rivolte aristocratiche (Baiamonte Tiepolo e Marco Querini, 1309 e 1310; Marino Faliero, 1355). Dalla Dalmazia all’Istria, poi, dopo la perdita di Ragusa, lungo il litorale albanese, V. impose in un primo tempo duchi o conti a vita mantenendo istituti amministrativi e politici locali. Dopo il 1470 all’opera dei Lombardo e di M. Codussi vanno ascritte alcune tra le maggiori realizzazioni della città. 17° F. Morosini riconquistava la Morea (1684, Pace di Carlowitz 1699), che comunque V. avrebbe poi dovuto cedere, con quanto possedeva ancora nell’Egeo, con la Pace di Passarowitz (1718). La commissione dei teleri per la Sala del Maggior Consiglio a Gentile Bellini (1474), in sostituzione degli affreschi del Guariento, dà l’avvio alla grande impresa decorativa nel Palazzo Ducale, che proseguirà nei sec. Da allora, l’ascesa fu continua. Nella primavera del 1945 Giovanni Ponti, dirigente del movimento partigiano di ispirazione cattolica, fu nominato dal Comitato di liberazione nazionale (CLN) sindaco di Venezia, incarico che mantenne fino alle elezioni del 1946. Sommario - la città (p. 48). Alle elezioni comunali del maggio 1956, la DC ottenne con 73.394 voti e il 37,76 %, soltanto 24 consiglieri, cioè 7 in meno rispetto al 1951, quando con una percentuale di voti quasi identica aveva beneficiato dal sistema maggioritario. In un clima difficile, in una situazione di accerchiamento da parte delle espressioni moderate del cattolicesimo veneto, la DC veneziana salvaguardò questa forma embrionale di centrosinistra consentendo alla giunta di lavorare due anni, fino al voto sulle linee direttive del piano regolatore generale. Codice prodotto: LTUR003; Visualizzazioni 276. 9° e il 10°, venne ordinandosi l’unità territoriale e politica del ducato autonomo. Lo stile gotico perdura nella seconda metà del 15° sec. Passa al contenuto principale. 13° e il principio del 14°, era perfezionata la struttura del Maggior consiglio, come corpo sovrano ereditario, veniva insieme precisata la prerogativa della elezione ducale, sottratta completamente all’assemblea popolare. Negli ultimi decenni del sec. Il dato sulla popolazione residente nella V. storica non tiene però conto degli ingenti flussi di pendolari che, per motivi di lavoro o di studio, quotidianamente si riversano sulla città. RICHIESTA INFORMAZIONI. 14°. Venezia Comune del Veneto (415,9 km 2 con 261.362 ab. Solo tra i secc. La passione per il teatro musicale favorì la nascita di una serie di importanti istituzioni, quali i conservatori (‘Ospedali’) della Pietà, dei Mendicanti, degli Incurabili, dell’Ospedaletto. Le politiche della giunta di sinistra non si rappresentarono come una rottura rispetto alle linee di sviluppo che erano state definite in epoca fascista, negli anni 1920 e 1930, sotto l’influenza di Giuseppe Volpi di Misurata e di Vittorio Cini, che promossero fortemente la vocazione industriale dell’area e l’espansione della città verso la terraferma. Questi trovarono però un rafforzamento della loro competenza politico-giudiziaria con l’istituzione collaterale nel loro seno dei tre inquisitori di Stato. 12° si trattava però ancora di colonie unicamente commerciali: ogni colonia, retta o dagli stessi mercanti o da un ufficiale (console o bailo o podestà) designato dal governo della madrepatria, era modellata sugli ordinamenti veneziani e beneficiava di foro privilegiato, di esenzioni fiscali, e anche di una zona extraterritoriale costituita da una o più contrade e di scali nel porto (in alcuni casi aveva addirittura la proprietà di una parte del porto). secondo rilevamenti del 2016). Le barriere sono collocate alle bocche di porto di Lido, Malamocco e Chioggia, cioè nei tre varchi del cordone litoraneo attraverso i quali la marea si propaga dal mare alla laguna. nel ... Enciclopedia Italiana - IV Appendice (1981). Delle porte di bronzo, sono bizantine quella di S. Clemente (11° sec.) L’unità della laguna, mantenuta dalle accorte politiche della Repubblica, veniva disaggregata a causa di insediamenti e attività in conflitto con il suo equilibrio. 12° furono gettate le basi dell’impero in Levante, mediante la partecipazione alle crociate, con l’acquisto di scali ed empori; fondamentale fu il pactum Warmundi (dal nome del patriarca di Gerusalemme) concesso nel 1123 ai veneziani dalle autorità del regno di Gerusalemme, che estendeva i loro privilegi a tutte le città del regno. L’impero coloniale. 9° e il 10° che nel cuore della laguna venne costituita la civitas, che fu prima civitas Rivoalti, poi civitas Venetiarum. Città metropolitana di Venezia (2.472 km2 con 846.962 ab. L'anno successivo incendiarono l'unico ponte ravennate posto sul Primaro. provocarono nuovi tumulti nella popolazione, spingendo Manin a proclamare la repubblica e a organizzare la difesa della città. La giunta di Cacciari si impegnò per la realizzazione del progetto di salvaguardia della città dalle acque alte coerente con la tutela ambientale e la correttezza amministrativa e cercò di frenare l'esodo della popolazione dal centro storico, sovvenzionando il restauro di abitazioni popolari. nel ... Enciclopedia Italiana - IV Appendice (1981). Una tale concentrazione di beni storico-culturali non può non comportare difficoltà gestionali e conservative: il degrado fisico-funzionale diffuso è una delle principali questioni aperte, che si riflettono anche sulle condizioni di vita degli abitanti. Nelle elezioni amministrative del 1946, il primo partito della città risultò la Democrazia cristiana (DC) ma la maggioranza dei voti andò alle sinistre con il Partito comunista italiano (PCI) al 27,29% e il Partito socialista di unità proletaria (PSIUP) attestato al 24,7%. Sui portali sono rilievi romanici con figurazioni dei Mesi, delle Virtù. Le isole della laguna veneziana conobbero un sostanzioso aumento della popolazione a partire dal 5° sec., quando le genti della terraferma vi cercarono scampo dalle ... Istituto della Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani S.p.A. © Tutti i diritti riservati. 15 marzo Città del Veneto, capoluogo della regione, posta al centro dell’omonima laguna. Soli eressero la Fabbrica Nuova di piazza S. Marco. veniva costituita la civitas, che fu prima civitas Rivoalti, poi civitas Venetiarum. e quella centrale (1112-38). Gli anni del centrosinistra furono caratterizzati da una grande crescita demografica dell’area di Mestre e dal perdurare della crisi del centro storico. Nel 2020 Brugnaro è stato rieletto sindaco con il 54,1% dei voti. Stretto un blocco intorno a V., gli austriaci intensificarono l’assedio dopo la disfatta piemontese a Novara (1849); la città resistette strenuamente fino al 23 ag., quando fu costretta a capitolare. Poi nei secc. Dizionario Di Filosofia Treccani. Visita eBay per trovare una vasta selezione di treccani storia di venezia. si verificò la trasformazione del carattere e della struttura del governo veneto nei domini adriatici fino all’instaurarsi di un dominio diretto veneziano. Fin dai primi anni l’organizzazione della Repubblica di Venezia si sforzò di evitare che un solo uomo, il Doge, disponesse di un potere totalitario. Un atrio di ingresso circonda su tre lati il braccio occidentale. L’area si configura come una stretta fascia occupante (a esclusione del delta del Po) tutta la costiera veneta. Un’ultima impresa militare si ebbe nella seconda metà del sec. 1994 sono su eBay Confronta prezzi e caratteristiche di prodotti nuovi e usati Molti articoli con consegna gratis! 11°-13°) di scuola locale di cultura bizantina, anche nel ricco programma iconografico (proseguito nei secoli successivi anche su disegno di artisti come Paolo Uccello, Andrea del Castagno, M. Giambono). A seguito delle voci dell’insurrezione di Milano scoppiarono nuovi tumulti che sortirono nella cacciata degli Austriaci (22 marzo), nella formazione di un governo provvisorio guidato da Manin e alla fusione di V. con il Regno di Sardegna (5 luglio). Il PCI si confermò primo partito alle elezioni amministrative del 1980, sia pure con un calo dei voti (32,57%), e la sinistra conservò la maggioranza in consiglio, dando continuità all’esperienza di Rigo fino al 1985. Nel sec. Per quanto riguarda la Terraferma, tra 13° e 14° sec. A determinare la crisi nel 1958 fu il diniego della DC alla richiesta dei socialisti di entrare in giunta. nel 2019), capoluogo di regione e città metropolitana. La massima ascesa e purificazione dello stile veneziano, caratterizzato dal cromatismo, dalla spezzatura dei cori (cioè l’antifonia tra una metà e l’altra della massa corale, ognuna appoggiata a uno dei due organi grandi), oltre che da stilemi interni diversi, si avrà con G. e A. Gabrieli, i quali inoltre risollevarono, insieme con L.A. Cavazzoni, le sorti della musica strumentale, per troppo tempo subordinata alle esigenze della musica vocale. Subito a casa, in tutta sicurezza. Il Consiglio dei ministri rilancia il piano per salvaguardare Venezia, dando il via libera a un nuovo progetto complessivo che riguarda le dighe mobili e altri interventi diffusi, quali il rialzo ... Città del Veneto, capoluogo della regione, distesa tra le coste e le isole lagunari.In età romana VENEZIA, come città urbanisticamente organizzata, non esisteva. Roma, 24 ott. Dopo lunghe trattative il 9 luglio 1956 fu varata una giunta con esponenti della DC e del PSDI, l'appoggio esterno del PSI, un programma concordato e la riconferma a sindaco di Tognazzi. La pittura del 18° sec. Nel 1313 la Santa Sede decise di rinegoziare i trattati con Venezia, scavalcando così la comunità ravennate. usa la guerra austro-italo-prussiana, costituì l’atto formale della duplice cessione del Veneto dall’Austria alla Francia e da questa all’Italia. Storia di Venezia – Treccani Treccani. La crisi che ne scaturì portò alla nomina di un commissario prefettizio che amministrò la città fino al novembre 1960. Il rapporto tra laguna e terraferma e tra vocazione turistica e vocazione industriale rimasero sullo sfondo della politica veneziana. Acronimo di Modulo sperimentale elettromeccanico, ideato tra il 1988 e il 1992 per difendere la città di Venezia dall’acqua alta attraverso un complesso sistema di dighe mobili, in corso di realizzazione dal 2003. – 1. a. - Sorta sulla laguna dei Veneti nei secoli avanti il Mille, dietro all'incalzare delle invasioni barbariche, da un insieme d'isole, isolotti, secche, pantani, rassodati e abitati via via dai fuggiaschi delle antiche città vicine; stretta ormai, al tempo di D., in unità potente e accentrata, ... Enciclopedia Italiana - III Appendice (1961). Nel 14° sec. Questo stesso periodo aveva visto, all’interno, mutamenti di fondamentale importanza, determinati dalle leggi del doge Pietro Gradenigo (1297 e 1299), note sotto il nome di serrata del Maggior consiglio, e dalle repressioni di rivolte di alcune famiglie aristocratiche: congiura di Baiamonte Tiepolo e Marco Querini (1310), congiura di Marino Faliero (1355). Alleanza fra V., il papa Alessandro VI, il duca di Milano, l’imperatore Massimiliano e il re di Spagna, in risposta alla discesa in Italia di Carlo VIII di Francia; può essere considerata la prima lega formatasi nella storia moderna per l’equilibrio europeo. nel 2019), capoluogo di provincia. Le risorse turistiche sono rappresentate dalle città d’arte (soprattutto V.) e dalle spiagge, articolate nel cordone litoraneo della laguna (Sottomarina, Pellestrina, Lido di V. e Cavallino, per un totale di circa 45 km di arenile) e nel sistema orientale (Lido di Jesolo, Eraclea, Caorle e Bibione, 47 km). Nuovi padiglioni sorsero ai Giardini della Biennale, l'unico territorio della città dove vi fosse spazio per la sperimentazione, tanto che divennero sempre più una sorta di antologia dell'architettura moderna: tra i più rilevanti i padiglioni dell'Olanda (G. T. Rietveld), della Finlandia (A. Aalto), dei Paesi scandinavi (S. Fehn), del Venezuela (C. Scarpa), del Giappone (Takamasa Yoshizaka). Il 24 febbraio 1441 cessò la signoria dei Da Polenta. Con la perdita dell’indipendenza e poi con l’annessione al Regno d’Italia (nel 1866, in seguito alla guerra austro-prussiana e alla sconfitta degli austriaci a Sadowa), V. con la sua laguna diveniva una ‘porzione indifferenziata’ all’interno di un organismo statale, che in generale si mostrò indifferente alla specificità della sua morfologia, mentre si presentava l’aggravante di una rivoluzione industriale che accelerava i processi di sviluppo e di modifica ambientale. Nei sec. completata monumentale "storia di venezia": 14 volumi frutto collaborazione regione, fondazione cini e treccani martedì 6 maggio 2003 (AVN) Venezia, 6 mag.- La "monumentale" Storia di Venezia, redatta dalla Fondazione Giorgio Cini, patrocinata e finanziata dalla Regione del Veneto ed edita dalla Enciclopedia Italiana, è stata ultimata. nel 2008), capoluogo di provincia. Venezia Città del Veneto, capoluogo della regione, posta al centro dell’omonima laguna. In questa parte la penetrazione cominciò dalla Dalmazia (sec. Vi dice niente il nome Altino? L’espansione, iniziata con Treviso e la costa istriana, proseguì fino al Mincio dopo la guerra di Chioggia, nella quale la pressione dei da Carrara di Padova e del re di Ungheria aveva dimostrato il rischio di una limitata presenza in Terraferma, importante bacino di reclutamento di uomini e mezzi da impiegare contro i Turchi. - Sorta sulla laguna dei Veneti nei secoli avanti il Mille, dietro all'incalzare delle invasioni barbariche, da un insieme d'isole, isolotti, secche, pantani, rassodati e abitati via via dai fuggiaschi delle antiche città vicine; stretta ormai, al tempo di D., in unità potente e accentrata, ... Enciclopedia Italiana - III Appendice (1961). Tra il 1919 e il 1922 aveva infatti preso corpo la prima zona industriale di Porto Marghera, annessa al nuovo porto commerciale, con l’escavazione di un canale e la realizzazione di una annessa città-giardino operaia. Non esistevano a quel punto le condizioni numeriche né per una maggioranza centrista né per una maggioranza di sinistra. Una parentesi in senso classicista, cui contribuì la pubblicazione a V. del trattato di S. Serlio (1537), si deve all’opera architettonica e scultorea di I. Sansovino, venuto da Roma nel 1527 (Loggetta del Campanile, Libreria, Zecca, Ca’ Grande Corner ecc.) 2.3 Istituzioni della Repubblica veneta. 14° il consiglio dei Pregadi aveva ormai assorbito le principali funzioni spettanti al Maggior consiglio; fu allora numericamente aumentato fino a 240 membri. nel 2019), capoluogo di provincia. Dopo un periodo di instabilità e di trattative, volte anche a creare le condizioni di un pentapartito con la partecipazione dei repubblicani, nel febbraio 1988 nacque invece la giunta rosso-verde guidata da Antonio Casellati del PRI: intorno a questa esperienza si costituì una maggioranza formata da PCI, PSI, PSDI, PRI e Verdi. Ciò provocò un’alleanza, sollecitata da papa Giulio II, tra le potenze europee (Massimiliano d’Asburgo, che aspirava al Trentino, e il re di Francia Luigi XII, padrone della Lombardia e desideroso di recuperare le terre milanesi) nella Lega di Cambrai: la battaglia di Agnadello del 14 maggio 1509, con la vittoria francese, seguita (1510) da quella di Polesella, segnò la fine dell’espansione veneziana e l’inizio di una secolare fase difensiva, anche grazie ai contrasti tra i suoi nemici. Nel 1586 ai Pregadi furono restituite tutte le funzioni che erano state usurpate dai Dieci. 16°. I referendum sulla divisione tra V. e Mestre vennero bocciati dai cittadini. Dalla metà degli anni 1970 si è manifestata un’inversione di tendenza: anche la terraferma ha cominciato a perdere popolazione nei confronti dei comuni di cintura urbana, toccando, le 179.062 unità secondo rilevamenti del 2016. e s. m. (f. -a). RICHIESTA INFORMAZIONI. Quando la marea cala, e in laguna e mare si raggiunge lo stesso livello, le paratoie vengono di nuovo riempite d’acqua e rientrano nel proprio alloggiamento. - Arti figurative (P. 60). Le origini di Venezia. La «necessità» era stata all’origine della città – fondata nelle paludi di Rialto a protezione dalle invasioni barbare – e aveva in seguito determinato la sua specifica identità di città libera ... Comune del Veneto (415,9 km2 con 261.362 ab. e s. m. (f. -a). Accanto a questi sedevano nel placito, a fianco del doge, anche i dignitari ecclesiastici. Nel 2000 Cacciari si candidò alla guida della Regione Veneto ma fu sconfitto. L’origine della città è collegata alle invasioni barbariche, che, fra il sec. Popolazione La ‘legge speciale’ riproponeva la prassi di contributi ai privati per opere di restauro e sistemazione urbanistica, in particolar modo per gli edifici di carattere artistico e monumentale. o fra Venezia, la Francia e i Fiamminghi. ● Si estende a O della Laguna veneta, a 12 m s.l.m., sul fiume Bacchiglione. La struttura economica appare, nel suo complesso, piuttosto articolata. Durante il suo mandato si impegnò per la riapertura del Teatro La Fenice, distrutto da un incendio, e realizzò il Parco di San Giuliano, a Mestre. ), i Cavalli per la facciata (sostituiti da copie; 4°-3° sec. La crescita della corona suburbana, comunque, risulta più lenta rispetto a quella delle altre province venete e ha guadagnato annualmente, a partire dalla ... La città sull’acqua al censimento del 2011, divenuti 260.520 secondo rilevamenti ISTAT del 2019, detti Veneziani), capoluogo di regione e città metropolitana. Numerosi altri teatri furono aperti in seguito e nel solo 17° sec. La scultura decorativa è rappresentata da J. de Corte, F. Caprioli, T. Ruer, M. Ungaro (attivi in S. Maria della Salute); allo scorcio del secolo lavora H. Meyring (S. Moisè). L’acqua è l’elemento dominante di Venezia, la città sulla laguna che ha sedotto generazioni di artisti e scrittori per il mirabile scenario dei suoi meravigliosi edifici, immortalati da grandi vedutisti come Giovanni Antonio Canal detto Canaletto, Bernardo Bellotto, Francesco ... L'età di Federico II coincide con anni di speciale vigore per Venezia.

Buon Onomastico Santino, Avellino 1980 Terremoto, La Spezia Serie A, Meteo 13 Ottobre 2019, Virgilio Mail Non Funziona Su Iphone, Mostrati Frozen 2, Storia Di Torcello, Offerte Neve Abruzzo 2020, E La Natura Testo,